Il corso “Educatori al Movimento nella malattia di Parkinson” sarà rivolto a tutte le persone impegnate nel dare supporto ai malati e mira a coinvolgere attivamente le associazioni presenti sul territorio. Alle associazioni viene offerta la possibilità di rendersi indipendenti nella loro missione di informare e divulgare l’importanza del movimento e della postura presso i propri associati. Ogni Associazione potrà così formare dei propri Educatori ad un costo estremamente contenuto (120,00 € include : corso di due giorni, alloggio presso rifugio in camere da 4 con letti a castello, pasti, assicurazione, attestato). Gli Educatori saranno a loro volta in grado di divulgare, informare e preparare la persona con Parkinson ad affrontare la vita quotidiana e le eventuali attività sportive, ricreative e/o terapeutiche.

Una partita che non si può rinviare

Immaginiamo di ritrovarci all’improvviso a giocare una partita di serie A, senza aver mai giocato a calcio, senza preparazione atletica e oltretutto senza conoscere le regole del gioco. Come se non bastasse, non abbiamo il tempo di prepararci o rinviare la partita. Si gioca subito contro un avversario impietoso che cercherà di metterci all’angolo attaccandoci sia a livello fisico che psicologico. Questa è la verità, nuda e cruda, vissuta sulla pelle da chi ha ideato questo corso e che ha deciso di mettersi in gioco condividendo la propria esperienza, i propri successi e le proprie esperienze negative.

Obiettivo : giocare in attacco

Il fine di questo percorso è “allenare” chi entra in campo oggi, istruendolo sulle “regole del gioco”, aiutandolo ad avere una migliore “preparazione atletica” ed una migliore capacità di giocare come squadra e non come singolo individuo. Il Parkinson non si può nascondere e non si può affrontare da soli. Il corso ha come fine ultimo la stesura di un piano di azione concreto, personale ed agibile che aiuterà l’ìntero nucleo familiare a migliorare la qualità della loro vita, anche oltre la malattia.

Neodiagnosi

Il corso pone una particolare attenzione per le famiglie che hanno ricevuto da poco la diagnosi. E’ fondamentale che la persona al momento di ricevere la diagnosi venga preparata ad affrontare la patologia da subito con consapevolezza e determinazione. Non si deve attendere di avere l’evidenza di posture errate, dolori fisici o altre problematiche causate dalla patologia per affrontare un percorso riabilitativo.

Argomenti trattati

Movimento : l’importanza della corretta postura e deambulazione, i percorsi neuronali: come nasce un’abilità motoria, la chimica delle emozioni: movimento-dopamina-felicità un trinomio imprescindibile

Parkinson : il Manifesto del Parkinson, la strategia terapeutica, la gestione dei medicinali, l’importanza di una corretta alimentazione

Le metodologie

Il percorso prevede un alternanza di :

  • aula (con il supporto di slide, filmati ed animazioni)
  • attività motoria leggera (per provare e sperimentare quanto appreso)
  • rielaborazione (in gruppo o individuale se necessario per condividire il proprio vissuto e consapevolizzare)
  • attività esperienziali in outdoor (giochi in team per evidenziare ed allenare competenze legate alle emozioni)
  • convivialità (facoltativo : la preparazione dei pasti si svolge in collaborazione con gli altri partecipanti ed allo staff)
  • relax (alcuni momenti, specialmente post-prandiali, prevederanno la possibilità di scegliere individualmente tra attività proposta dallo staff o relax individuale)

Vuoi saperne di più?

Iscriviti ai nostri corsi oppure contattaci per avere maggiorn informazioni